Anche Sardara nella class action contro Abbanoa

Grande affluenza all’incontro organizzato presso il centro di aggregazione sociale per parlare dei tentati conguagli regolatori relativi agli anni 2005/2011 richiesti da Abbanoa a tutti gli utenti. L’incontro è stato organizzato dal gruppo consiliare “Civica per Sardara” e moderato dal capogruppo Roberto Caddeo, con la collaborazione dell’ex sindaco Giorgio Zucca e la partecipazione di Mauro Pili di Unidos e di Giorgio Vargiu, Presidente di Adiconsum. E’ ad opera di questi ultimi l’avviamento della class action contro il gestore idrico, che ha sollevato la pretesa di recuperare soldi in bolletta non dovuti.

Pili ha esortato alla partecipazione non solamente i cittadini, che hanno comunque tutto l’interesse a farlo ma, anche e soprattutto, la politica e i sindaci: “ Noi non ce la facciamo da soli ad arrivare a tutti i sardi, quindi chiediamo l’aiuto di tutti i sindaci, a prescindere dal partito di appartenenza”.

Anche le rimostranze della gente si sono fatte sentire: “Non è possibile che in una circostanza importante come questa, veniamo lasciati soli”, commenta una cittadina, notando la totale assenza di rappresentanti della maggioranza.

Nel pieno del dibattito, Vargiu fa una similitudine calzante: “E’ come se dieci anni fa avessi comprato una lavatrice e adesso il negoziante mi chiedesse di aggiungere soldi perché al tempo aveva fatto male i conti e mi avrebbe dovuto far pagare di più. E’ un discorso che non regge ed anche la Regione dovrebbe prendere le difese dei cittadini, cosa che non sta facendo”.

Nei giorni scorsi Abbanoa ha inoltre inviato ai sindaci una lettera per ammonirli circa il fatto di far utilizzare i locali comunali ai gruppi che stanno organizzando la class action contro di loro, ma in tutta la Sardegna si stanno continuando a svolgere incontri di questo tipo, in modo da riuscire a coinvolgere il maggior numero di persone possibili: chiunque voglia aderire a questa azione collettiva potrà farlo entro il 20 maggio prossimo tramite la compilazione di un modulo scaricabile sia dal sito di Unidos che da quello di Adiconsum e portarlo di persona ad un consigliere di “Civica per Sardara”, oppure spedirlo tramite una delle modalità specificate on line.

Manuela Corona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*