Antonello Ecca: “Contribuire a risollevare le sorti del territorio”

Antonello Ecca, candidato al Senato per le elezioni del 4 marzo, nasce ad Arbus il 20 settembre del 1969 ultimo di una famiglia di otto figli. Sposato e padre di due figlie, nel 1997 si laurea in Agraria presso l’Università degli studi di Sassari con specializzazione nel settore zootecnico in nutrizione e alimentazione degli ovini. Libero professionista iscritto all’ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali, dal 2000 al 2005 è direttore del progetto Life Natura Dune di Piscinas Monte Arcuentu. Dal 2004 al 2017 è direttore del Gal Monte Linas e a partire  dal 2000 si occupa di nutrizione e alimentazione per una nota Azienda Regionale per la quale è consulente per oltre 80 aziende ovine. Dal 2015 è sindaco di Arbus e ha sospeso tutte le attività professionali per dedicarsi interamente all’attività politica e amministrativa del comune.

Cosa lo ha spinto ad accettare questa sfida, difficile e di grande responsabilità?

«La mia disponibilità alla candidatura nasce dalla necessità di voler fornire il proprio contributo per il bene del nostro territorio e di una regione intera. Nel corso della mia vita professionale e politica ho acquisito molte esperienze che penso debbano essere messe a disposizione della nostra terra».

Tanti i temi che sono al centro del dibattito politico. Esiste per lei qualche priorità specifica?

«Il territorio da cui provengo e al quale appartengo presenta le caratteristiche dell’intera isola: la costa, la montagna, la pianura. E con esso racchiude anche le problematiche comuni a tutta la Sardegna. La disoccupazione e lo spopolamento, i problemi dell’agricoltura e della zootecnia, i ritardi e l’inadeguatezza degli aiuti all’agricoltura e negli altri settori produttivi, quelli delle industrie non più attive come la Keller, i trasporti, la tutela dell’ambiente e del suo contestuale sfruttamento a fini produttivi e occupazionali. Ritengo che il settore turistico, agricolo e zootecnico necessitino di maggiori attenzioni. La Pac destina a quest’ultime tante risorse ma le lungaggini burocratiche non consentono di acquisire gli aiuti in tempi brevi. È importante il miglioramento qualitativo delle strutture ricettive là dove sono già presenti e la realizzazione di nuove ove queste mancano».

Di cosa ha bisogno il Medio Campidano per rimettersi in moto?

«È un territorio ricco di opportunità. Sta a noi saperle sfruttare. Il mio impegno andrà verso la direzione che consente di favorire lo sviluppo attraverso l’acquisizione di risorse a beneficio della popolazione locale e di quella esterna, che sono in grado di generare occupazione, reddito, per cui devono esser salvaguardate e sostenute».

Troppo astensionismo e troppi indecisi: la democrazia sembra in affanno. Come cercherà di convincere gli elettori?

«Il mancato raggiungimento di tanti obiettivi, la crescita della povertà, il peggioramento dello stato sociale, la disoccupazione e altro ancora sono le cause principali della scarsa fiducia del cittadino verso le istituzioni. Ritengo che gli elettori debbano basarsi sulle capacità dei candidati, sulla loro esperienza professionale e di lavoro. È necessario dimostrare ai cittadini di essere capaci. Ritengo che votando me gli elettori, i cittadini votino una persona che si è spesa per il territorio, che conosce le problematiche delle imprese, dei professionisti, degli amministratori di enti pubblici, della famiglia e del lavoratore. Bisogna affidare il proprio voto a persone in grado di risollevare le sorti del nostro territorio. Chi non lo fa perde davvero una grande opportunità».

Gianni Vacca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*