Buoni risultati sportivi per le società del territorio

La Marmilla anche in questa stagione si è distinta per i buoni risultati calcistici ottenuti dalle compagini locali, tutte partecipanti ai campionati di prima e seconda categoria. Il titolo platonico di squadra regina del territorio spetta alla Virtus Villamar che, seppur partita il ritardo con la preparazione estiva, è riuscita a bissare il miglior risultato sportivo della sua storia: un sesto posto, accompagnato da una permanenza in prima categoria per il quarto anno di fila dopo che, sino al 2012, navigava nell’anonimato della seconda categoria. Mai prima d’ora nessuna squadra di calcio villamarese è riuscita ad arrivare a tanto. Qualche gradino più giù, all’ottavo posto, si ferma invece la Libertas Barumini; per i giallorossi una stagione comunque positiva arricchita dai tanti iscritti al settore giovanile, vero e proprio fiore all’occhiello fra le società calcistiche del territorio. Raggiunge l’undicesimo posto il Villanovafranca, matricola del torneo, per la prima volta nella sua storia partecipante al campionato di prima categoria dopo la promozione ai playoff lo scorso anno. Un risultato che gratifica il buon lavoro della società giallorossa che, dopo la vittoria in una sorta di match spareggio per non retrocedere con il Senorbì alle ultime giornate, ha potuto festeggiare una salvezza tanto meritata quanto fortemente voluta.

U. S. Lunamatrona

Un gradino più in basso, questa volta nel campionato di seconda categoria, girone C (per il quale si è già parlato della meritata promozione dell’Atletico Sanluri), ben si sono distinte la compagine del Furtei (che ha centrato un ottimo quinto posto) e del Segariu del nuovo tecnico Luca Rugiu che, dopo otto anni di militanza nella panchina del Lunamatrona, ha condotto un gruppo di giovani a un onorevole ottavo posto. Nell’altro girone, quello E, si è registrato un buon campionato da parte del Lunamatrona che, dopo i tentennamenti societari della scorsa estate, ha raggiunto, con una squadra ringiovanita, un inatteso sesto posto: un bel regalo per i quarant’anni dei biancoblu che, in quest’arco di tempo, sono riusciti persino a partecipare per una stagione, a metà degli anni ’80, al campionato di promozione all’epoca massimo torneo regionale. A seguire il Gesturi che, grazie all’ottava piazza, si rifà dopo l’anonimo campionato della stagione 2016/2017 e, il Pauli Arbarei, squadra sin dall’inizio senza particolari ambizioni di classica che si ferma al dodicesimo posto. Chiude con appena due punti la squadra del Medio Campidano, la società che rappresenta la comunità di Ussaramanna: per i gialloblu un campionato non certo positivo in termini di classifica, portato tuttavia a termine con grande sportività.

La squadra del Villanovafranca

Virtus Villamar

Al di là di ogni risultato un appunto è però d’obbligo: in Marmilla, territorio dai noti disagi economico – sociali, anche solo “fare calcio” sta diventando problematico: in un contesto del genere riuscire ad allestire una squadra è difficile per tutta una serie di problemi: costi d’iscrizione ai campionati quasi raddoppiati negli ultimi dieci anni, carenza di sponsor e difficoltà, dato l’esiguo numero di abitanti, di poter disporre di un buon bacino da cui attingere giovani calciatori. Tanti centri (Villanovaforru, Collinas, Tuili, Turri e Siddi, quest’ultima sino allo scorso campionato iscritta in prima categoria) a causa di tali difficoltà, non hanno più una squadra di calcio che li rappresenti. In un contesto del genere un grosso ringraziamento va a tutte le società, costituite da persone che portano avanti una causa solo per passione, che anche quest’anno sono riuscite a dar continuità all’attività calcistica locale che, oltre che disciplina più seguita, è prima di tutto un contenitore di bei momenti di socialità e svago per atleti e tifosi.

Simone Muscas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*