Cimitero: emergenza loculi e prezzi da capogiro

A San Gavino è ormai quasi vietato morire. In cimitero c’è una grave carenza di loculi e se presto non si provvederà alla costruzione di nuove tombe non si saprà più dove collocare i cari defunti. Le lamentele sono tante e non mancano le proteste dei cittadini come ricorda Pasquale Marongiu, pensionato: «La carenza è talmente grave che  si sta chiedendo ad alcuni cittadini che si son acquistati in anticipo   il loculo di metterlo a disposizione in attesa di costruirne dei nuovi. C’è da chiedersi come mai si sia arrivati a questo punto e che fine ha fatto la programmazione della costruzione dei loculi? Perché non si tiene conto della statistica dei decessi annuali?».

S.Gavino cimitero foto fernanda pinna

PREZZI DA CAPOGIRO A questo disagio si aggiunge anche il prezzo molto più alto rispetto a quello  di altri paesi vicini: «A Sanluri – rimarca Pasquale Marongiu – non c’è quest’emergenza e un loculo costa 450 euro mentre a San Gavino il prezzo sale a 1270 euro ed abbiamo una penuria di sepolture. Mi chiedo se i sangavinesi, visti i costi dei loculi, devono chiedere di essere tumulati a Sanluri».

S.Gavino cimitero foto fernanda pinna

L’ASSESSORE MUSANTI Sul problema interviene l’assessore ai lavori pubblici Stefano Musanti: «C’è la necessità di un ampliamento con il piano cimiteriale che deve essere avviato. Per far fronte all’emergenza stiamo procedendo alla costruzione di 48 loculi. Inoltre le tombe già pagate e libere vengono utilizzate in questi casi di necessità per poi procedere al trasferimento della salma. Per quanto riguarda il costo del loculo a San Gavino si è sempre applicata una tariffa che copre i costi dell’intero intervento, cosa che non succede da altre parti. In ogni caso siamo pronti a rivedere questo regolamento».

Gian Luigi Pittau

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*