Approvata la legge sull’amministratore di sostegno

Soddisfatta per l’approvazione all’unanimità, da parte dell’intero Consiglio, della legge regionale “Interventi per la promozione e la valorizzazione dell’amministratore di sostegno a tutela dei soggetti deboli” a darne la notizia è la consigliera del Partito democratico Rossella Pinna, prima firmataria della proposta e relatrice della legge.

«Insieme ai colleghi del gruppo consiliare, alla commissione sanità, al mondo del volontariato, è nata una legge che ha come destinatari finali i soggetti deboli che necessitano di un sostegno per poter provvedere alla cura dei propri interessi. Una legge molto attesa in un ambito importante e delicato che investe aspetti personali e sociali delle persone interessate e che coinvolge strutture giudiziarie e amministrative, chiamate ad operare con efficienza e rapidità, ma spesso in difficoltà per l’alto numero di amministrati da tutelare», afferma Rossella Pinna. Partendo dalle criticità relative all’attuazione della norma nazionale di 14 anni fa, a seguito di un’importante riforma del codice civile, la legge approvata promuove in Sardegna la figura dell’Amministratore di sostegno. «Attualmente in Sardegna sono oltre 12 mila le procedure aperte nei Tribunali regionali, e il numero delle persone beneficiarie della misura cresce negli anni ad un ritmo esponenziale, segnale di un aumentato bisogno, legato anche all’invecchiamento della popolazione e al conseguente incremento delle disabilità», aggiunge Rossella Pinna, «Parallelamente all’aumento dei casi, diminuisce per contro, il numero dei familiari disponibili ad assumere l’incarico. Infatti, tra i bisogni segnalati dagli attori istituzionali, dalle associazioni e dai familiari delle persone amministrate, risalta la difficoltà di reperire persone disponibili. L’individuazione da parte del giudice tutelare dell’Amministratore di sostegno è un momento strategico. Affinché la risposta ai bisogni della persona fragile sia appropriata è fondamentale poter disporre di un elenco di persone motivate e adeguatamente formate, che volontariamente si mettano a disposizione».

La norma regionale, nel ribadire la volontarietà del compito dell’Amministratore di sostegno, esclude il pericolo della professionalizzazione, ma interviene assicurando una adeguata formazione nonché un servizio di supporto informativo nel territorio, che eviterà la solitudine degli Amministratori e le lunghe file davanti agli uffici della volontaria giurisdizione. Le novità introdotte dalla legge riguardano anche l’attivazione a livello provinciale e locale di servizi di supporto, chiamati SPG, Sportelli di Protezione giuridica, che assicurano il raccordo con gli uffici del Giudice tutelare, col compito di offrire gratuitamente consulenze in materia economica, legale e sociale, oltre che formazione, informazione e sensibilizzazione. La Regione promuove, oltre allo sportello specialistico, una rete diffusa di servizi di supporto all’amministrazione di sostegno presso gli uffici dei servizi sociali comunali, per il tramite dei PLUS, che predispongono l’elenco aggiornato annualmente dei soggetti disponibili a ricoprire l’incarico di amministratore. Tali elenchi vengono messi successivamente nella disponibilità dei Giudici tutelari.

«La norma istituisce, inoltre», ribadisce Rossella Pinna, «un fondo destinato a venire incontro ai casi sociali più complessi, in particolare interviene, nei limiti della capienza, per rimborsare gli oneri sostenuti per la stipulazione di polizze assicurative contro eventuali rischi, nonché le spese sostenute per i casi sociali più complessi e privi di adeguati mezzi». L’Obiettivo della norma regionale è quello di definire un modello di welfare di comunità, strutturato sui valori della solidarietà della coesione sociale e del benessere comune, fondato sul presupposto che si è tutti parte di una comunità, nell’ambito della quale ciascuno può contribuire nei confronti degli altri, soprattutto quando questi non sono completamente autonomi e in grado di provvedere a sè stessi.

«Il quadro normativo tracciato», conclude Rossella Pinna, «in una stagione dalle innegabili difficoltà, si è trasformato in una pagina di buona politica, in una scelta di civiltà, al servizio della persona, esattamente come quella che vogliamo mettere a fondamento della nostra idea di società e che ci fa fare un passo in avanti importante per affiancare e non lasciare sole le persone fragili e le loro famiglie».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*