Costituito il comitato in onore di San Lorenzo

La festa di San Lorenzo è da sempre una delle principali nel paese di Sanluri e lo testimonia l’importanza con cui i cittadini tradizionalmente celebrano il 10 agosto. Recentemente si è costituito in via definitiva il nuovo comitato di San Lorenzo 2017 che vede per la quarta volta l’organizzazione della festa affidata al Gruppo Polifonico Folkloristico di Sanluri che dal 2013, escluso lo scorso anno in cui l’organizzazione fu affidata all’amministrazione comunale, se ne occupa grazie alla concessione della Parrocchia e del rispettivo Parroco Don Luciano che ne detengono la titolarità in quanto festa in onore del Santo. Se negli anni precedenti il gruppo è stato affiancato da altre associazioni quali “Is Amigus de Brunu”, quest’anno sarà l’unico organizzatore e dai primi di aprile si comincerà con la consueta questua che ogni anno rende possibile la realizzazione della festa, nonostante negli ultimi tempi stia attraversando un periodo difficile.

2

Sempre meno persone infatti si dimostrano disponibili alla raccolta dei fondi e la festa continua a rimanere in vita grazie all’aiuto fondamentale degli sponsor che da soli costituiscono buona parte del budget finale, al quale contribuiscono anche i contributi comunali e le lotterie organizzate appositamente. Gli organizzatori sottolineano questo punto, sostenendo che più partecipazione da parte dei cittadini sanluresi equivale a un maggiore abbellimento della festa, per questo motivo, e per agevolare la raccolta fondi, quest’anno saranno pubblicate in diversi luoghi pubblici di Sanluri dei calendari contenenti i giorni in cui si terrà la questua, nella quale le donne si dimostrano la parte più attiva. La festa, come da consuetudine, si svolgerà in più giornate, nelle quali anche quest’anno non mancherà la componente musicale, se pur i nomi degli artisti e i vari dettagli saranno pubblici soltanto quando sarà definito il budget finale. Tra i nomi degli artisti che hanno preso parte alla festa nei precedenti anni si ricordano La Pola, i Dik Dik, i Cugini di Campagna, i Sikitikis e i Tazenda, oltre a vari artisti e associazioni locali che hanno contribuito ad animare le serate, sempre con lo scopo, vincolato dal budget, di accontentare un pubblico di tutte le età e allo stesso tempo fare di Sanluri un luogo di festa che sia attrattivo per tutto il circondario.

Fabiola Corona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*