Diciannovesima edizione di Cabudanne de sos poetas

Presentazione della XIV edizione (foto Stefano Flore)

Prosegue il “Cabudanne de sos poetas” sabato 1 settembre tra incontri con i poeti, musica, degustazioni, laboratori per i bambini. La mattina alle 9 primo appuntamento alla Biblioteca Comunale con il workshop per i più piccoli dai 3 ai dieci anni “El terrible Boicot”, a cura dell’associazione Allibratori e della scrittrice per l’infanzia Adriana Sabugal. Alle 10 a Prenza de Murone lo spazio dedicato ai produttori locali vede stavolta la Cantina Quartomoro di Sardegna e l’Azienda Agricola Riso Oristano. Alle 10.30 ci sarà Paola Zannoner, una delle più importanti scrittrici (e blogger) italiane e non solo, con i suoi libri tradotto in diversi paesi del mondo, nell’incontro di letteratura per adolescenti. Premio Strega per ragazzi 2018, a Seneghe racconterà del suo libro “L’ultimo Faro” insieme a Magda Sanna. Alle 11.30 la voce poetica tra le più importanti della Catalogna, Cèlia Sanchez Mustic, Premio Strega ragazze/i 2018, porterà il suo libro “La gota negra” con la partecipazione dell’Istituto Ramon Llull, l’organizzazione che promuove la lingua e la cultura catalana a livello internazionale; introducono e coordinano l’incontro con l’autrice Joan Elies Adell e Mara Loreto Basques Almiral. Alle 17 in Biblioteca Comunale il laboratorio di poesia dedicato ai bimbi “Che verso fa il poeta”, a cura sempre dell’associazione Allibratori.

Marc Biancarelli (foto Stefano Flore)

Stesso orario a Putzu Arru per l’incontro con il poeta e drammaturgo Marc Biancarelli e la sua recente opera “Massacre des innocents” (Actes Sud, 2018). Dialogherà con l’autore lo scrittore Alessandro Deroma. Alle 18.30 poesia e azione con Serge Pey e Chiara Mulas. Performance dal libro “Chants Électro-Néolitiques”. Introduce e coordina Antonella Puddu Gaviano.

Alle 21.30 in Partza de sos ballos poesia, letteratura e scienza nell’incontro di sabato sera con i due caporedattori di Radio 3 Scienza: la conduttrice radiofonica e autrice Rossella Panarese e Marco Motta, voce del quotidiano scientifico della rete, incontrano nella suggestiva Partza de sos ballos, Gianmario Villalta, narratore, saggista, poeta tra i più significativi della nostra letteratura (Bestia da latte il suo recente romanzo) e direttore artistico di Pordenonelegge, Felice Colucci collaboratore del CSR4, ingegnere esperto di realtà aumentate, Barbara Mazzolai, giovane scienziata italiana tra le più famose al mondo che si occupa di plantoidi e intelligenza artificiale, coordinatrice del Centro di Micro-Biorobotica dell’Istituto Italiano di Tecnologia. Un evento speciale di divulgazione scientifica che si interroga sulla produzione letteraria e poetica in relazione alle nuove tecnologie, curato in collaborazione con Radio 3 Scienza e il CRS4.

Non solo poesia e letteratura ma come sempre ci saranno gli spazi dedicati agli appuntamenti musicali e teatrali, quest’anno rivolti in particolare alla musica del mondo. Imperdibile quello con la magnifica voce della cantante-poetessa lusitana Lula Pena, voce unica e chitarra, ammirata anche da Caetano Veloso e Rodrigo Leao. Una grande artista tra le più stimate nel panorama della canzone mondiale contemporanea. Alle 23 in Partza de sos ballos arriva con il suo canto straordinario che emoziona, le cui ispirazioni sono molteplici e attraversano le frontiere del fado di Lisbona, la canzone francese, la bossa nova brasiliana, il tango argentino o le atmosfere afro-arabe. Per la “buonanotte” infine appuntamento a mezzanotte in Piazzetta Su Lare con il dj set poetico a cura di Luigi Socci.

Fino al 28 settembre saranno visitabili le mostre pittoriche a Casa Addis dell’artista scomparsa (di origini seneghesi) Alessandra Wahid e del pittore, incisore e scultore Giuseppe Bosich. E ancora gli incontri con i produttori sardi, i laboratori per i più piccoli con il coinvolgimento della Biblioteca Comunale, lo spazio dedicato ai giochi da tavola sempre a casa Addis (a cura dell’associazione Demoelà), il laboratorio di fotografia a cura dell’Osservatorio Fotografico e l’escursione archeologica a cura dell’associazione Tocoele.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*