Dipendenti Adigest senza stipendio

Lavoratori lasciati senza stipendio, uno scenario che riporta a problemi già vissuti nel recente passato con strascichi ancora irrisolti che portano a una pericolosa situazione di precarietà. La Fit Cisl, tramite le segreterie territoriali di Nuoro, Sassari e Cagliari, è costretta a denunciare, ancora una volta, una situazione insostenibile per i lavoratori della Adigest-Ecoal che operano nella gestione degli appalti per l’igiene urbana tra l’Unione dei Comuni dell’alta Marmilla, Castelsardo, Gerrei, Laerru e Bulzi, che, a oggi, non hanno ancora ricevuto lo stipendio di maggio, con oltre quindici giorni di ritardo. “È intollerabile – aggiunge Gianni Loddo, segretario di presidio – perché i lavoratori sono già provati da una situazione simile con la precedente ditta che gestiva gli appalti, che ha lasciato degli strascichi ancora irrisolti dal punto di vista economico e vedono lo spettro di questa precarietà nella Adigest”.

Ad alimentare ulteriori preoccupazioni tra i lavoratori contribuisce anche la voce di una possibile cessione in affitto del ramo di azienda di Adigest-Ecoal a una nuova azienda, ancora non meglio identificata. “Non possiamo più continuare a chiedere ai lavoratori dei vari cantieri presenti in regione di garantire con continuità i servizi di raccolta, un’attività che, con sacrificio, hanno garantito finora nonostante i cronici ritardi nei  pagamenti delle retribuzioni. Non ci sono più le condizioni minime per la garanzia dei servizi, a partire dalla mancanza di dispositivi di protezione individuali e attrezzature minime per operare (scope, palette etc). I mezzi sono spesso inadeguati e fuori norma, mentre gli spogliatoi non sono conformi e mancano le docce, senza la possibilità di avere a disposizione servizi igienici con acqua corrente: una necessità come previsto dalla normativa vigente in caso di lavori insudicianti e corrispondenti ai bisogni dei lavoratori, per poter rispettare il diritto alla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro”.

La Fit Cisl, attraverso i propri delegati, è pronta a organizzare subito assemblee nei cantieri e, in caso di necessità, a proclamare già nei prossimi giorni ulteriori giornate di mobilitazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*