Discarica: sospeso il progetto del terzo modulo

È stato sospeso in regime di autotutela il progetto di realizzazione del terzo modulo di discarica di Villacidro. Il bando per individuare la società incaricata dei lavori finisce in freezer, in attesa di approfondimenti. Sulla decisione del  Consorzio, proprietario della discarica, di prendere 45 giorni di tempo potrebbe avere avuto un certo peso la minaccia di contenzioso presentata da un’associazione di categoria. Ora il Consorzio è intenzionato a rivisitare il bando, tenendo conto delle segnalazioni ricevute per eventuali evitare ricorsi. Analizza i fatti il delegato  del Comune in consiglio di amministrazione Gianni Lampis: «Resto dell’idea che la realizzazione del terzo modulo non debba essere fatta come unicum ma vada fatta per singoli stralci progettuali e sulla base delle reali esigenze di abbancamento dei rifiuti».

Per Antonio Muscas referente del comitato No Megadiscarica: «La sospensione in autotutela è la dimostrazione che l’impossibilità di bloccare il progetto e le scadenze improrogabili sono un falso. È altresì la dimostrazione della totale assenza di volontà di avviare le indispensabili strade alternative». Non la pensa così il presidente del Consorzio Luca Argiolas: «Abbiamo sospeso momentaneamente in autotutela il bando e lo stesso verrà pubblicato a breve. Si tratta di un’opera strategica per il territorio che realizzeremo nel pieno rispetto dell’ambiente. Difatti, procederemo a predisporre un piano di interventi di miglioramento del sito della discarica, con interventi di verde pubblico e forestazione, coinvolgendo chi davvero ha a cuore la tutela dell’ambiente».

Stefania Pusceddu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*