Festa san Lussorio: caos nelle concessioni per il suolo pubblico

Area riservata agli ambulanti

Monta violenta, quasi incontrollabile lunedì mattina la protesta di alcuni ambulanti che non mandano giù l’improvviso dietro front dell’amministrazione comunale sulle concessione per l’utilizzo del suolo pubblico in occasione dei festeggiamenti per San Lussorio. Tutto (salvo strascichi giudiziari sempre possibili) a questo punto  sembrerebbe rientrato dopo che  le parti in causa, ambulanti e amministrazione comunale, a seguito della riunione fiume organizzata in fretta e furia nella stessa mattinata di lunedì in sala giunta trovano per così dire una via di fuga e una pax vivendi che allontana al momento ulteriori inutili polemiche. Gli ambulanti, fatta nei dovuti termini temporali la richiesta per l’utilizzo del suolo pubblico, hanno visto assegnarsi lo spazio antistante la via Stadio fronte campo sportivo Mario Peddis, area da sempre tradizionalmente riservata a questo genere di attività. La goccia che ha fatto traboccare il vaso e mandato su tutte le furie gli ambulanti è stata però l’improvvisa comunicazione inviata tramite pec nella mattinata di domenica con la quale l’amministrazione comunale  revocava la concessione e individuava la nuova area lungo la via G. M. Angioy posta al di sopra dell’Anfiteatro comunale.

«L’individuazione della nuova area – dichiara il vicesindaco e assessore alla cultura Michele Schirru –  è dovuta semplicemente  a problemi  tecnici di natura logistica in quanto la precedente autorizzazione di fatto avrebbe precluso l’utilizzo al traffico di un’arteria così importante per la viabilità del paese come la via Stadio. La nuova area individuata  – conclude Michele Schirru –  è facilmente raggiungibile e ben collegata con il resto della festa. Probabilmente si è sbagliato sulla tempistica ma tutto è stato fatto senza secondi fini, assolutamente in buona fede e nel massimo rispetto  delle necessarie vie di fuga così come le norme sulla sicurezza prevedono».

Gianni Vacca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*