Graziella Salis tra arte e spiritualità

PrintWhatsAppTwitter

Nata ad Arbus dove vive e lavora ma cresciuta in Piemonte, Graziella Salis è senza ombra di dubbio una delle artiste più innovative del movimento pittorico contemporaneo in Sardegna. Le ultime due collezioni rese al pubblico, ad aprile al Civis di San Gavino e a fine giugno al VillacidrArte, hanno definitivamente consacrato al grande pubblico il suo talento e la sua grande e personalissima vena espressiva.

2  La svolta artistica si ha nel 2012 con il concorso “Arte città amica di Torino” quando abbandonando il filone paesaggista abbraccia quello più impegnativo e del tutto personale di un’arte senza confini all’interno della quale l’incontro tra il pensiero e la spiritualità danno vita a tante  magnifiche opere dipinte su tela “dove l’arte prepotentemente esplode in magnifiche Energie Spirituali potenti e soavi, dai colori intensi che inondano il cuore…”La Rivelazione dell’Ascensione Dio Padre-Madre” è il tema che domina e avvolge l’arte di Graziella Salis e che rivelano e conducono alla Verità non stereotipata ma fondamentale nella crescita spirituale dell’essere. Cinquanta finora le opere realizzate, quasi esclusivamente con tecnica acrilica e porporina, dalla pittrice arburese. Tutte accompagnate da messaggi e testi che la stessa pittrice ha avuto la “gioia” di produrre e recentemente pubblicare in libro catalogo. All’intera pinacoteca va riconosciuta una delicata personale bellezza dove, come afferma l’artista: «Togli il velo, scopri la verità e una nuova dimensione». Particolarmente interessanti l’opera n. 20 che raffigura il “Karma e la legge della causa-effetto”, l’opera n. 18 “Mente Collettiva” ed infine la n. 16 “Dolore ed Evoluzione” che raffigura il dolore e l’evoluzione spirituale.

Gianni Vacca

PrintWhatsAppTwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*