Il Concerto Quaresimale di Fabrizio Marchionni

Volta di nuovo pagina, la rassegna invernale del Teatro Comunale di Serrenti Casa Civica della Cultura, curata dall’associazione Incontri Musicali. Con il Concerto Quaresimale, in programma domenica alle 19, il cartellone introduce il genere della musica sacra e cambia scenografia. In quest’occasione infatti sarà l’altare della chiesa della Beata Vergine Immacolata, e non il palcoscenico del teatro comunale che abitualmente ospita gli allestimenti, ad accogliere la serata.

Il programma. All’organo, il maestro Fabrizio Marchionni, che eseguirà la Fantasia e fuga in sol minore BWV 542 e il Preludio sul Corale “O uomo, piangi la tua grande colpa”  BWV 622 di Johann Sebastian Bach; il Concerto per Organo in sol minore Op.4 N.3 HWV 291  di Georg Friedrich Händel  nella trascrizione di Marcel Dupré; il Concerto per due violini in la minore RV 522 di Antonio Vivaldi nella trascrizione di Johan Sebastian Bach; lo Stabat Mater da lui stesso composto, infine Variations sur un thème de Clément Jannequin e le Litanies di Jehan Alain.

L’interprete. Nato a Cagliari, Fabrizio Marchionni ha compiuto i suoi studi musicali presso il Conservatorio “G. P. da Palestrina”, laureandosi brillantemente in Organo e Composizione Organistica, Pianoforte, Clavicembalo e Composizione. Nel 2001 consegue, inoltre, il Diploma di Alto Perfezionamento in Composizione presso l’Accademia Musicale Pescarese. Ha partecipato, in qualità di interprete e compositore, a numerosi concorsi nazionali ed internazionali, ottenendo sempre  importanti riconoscimenti.

In qualità di organista, pianista, fortepianista e clavicembalista, ha inciso e tenuto concerti in tutta Europa, invitato da prestigiose associazioni musicali e culturali, il suo repertorio spazia dalla musica antica a quella contemporanea, dal jazz alla musica popolare.

Studioso dei linguaggi musicali, ha scritto per svariati organici vocali e strumentali, le sue composizioni sono state eseguite in tutta Italia ed Europa. Nelle sue trascrizioni ed elaborazioni compositive propone il rinnovamento del linguaggio attraverso lo sviluppo degli elementi latenti nelle strutture musicali della tradizione, con particolare riferimento alla musica popolare della Sardegna.

È docente di Teoria, Ritmica e Percezione musicale presso il Conservatorio Statale di Musica “G. P. da Palestrina”  di Cagliari. Insegna Organo barocco nei corsi del dipartimento di musica antica e strumenti storici del Conservatorio di Cagliari.

L’ingresso al concerto è libero. La rassegna. Il cartellone della rassegna invernale, in programma fino al 24 marzo, spazia dalla musica classica e dal repertorio operistico, alla prosa e alle favole musicali, fino alla proiezione di documentari dedicati agli antichi mestieri del territorio. Una varietà che ricalca il palinsesto del festival autunnale Sonus de Attongiu, anche questo miscellanea di generi e proposte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*