In vetrina le eccellenze enogastronomiche e artigianali della Sardegna

In vetrina a Barumini le eccellenze enogastronomiche e artigianali isolane. Oggi e domani l’evento ‘Sabores de Sardigna’ completa il ciclo di appuntamenti di Expo e Territori. È una manifestazione di promozione della qualità della vita, organizzata da Comune e Fondazione Sistema Cultura e sostenuta dall’assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio nell’ambito del progetto della Presidenza del Consiglio.
Progetto Expo. Nello spazio espositivo allestito al centro Giovanni Lilliu, nell’area archeologica di Su Nuraxi, si svolgeranno laboratori, mostre, presentazioni di progetti delle scuole legati a Expo, incontri sul mondo della tradizione culinaria e vitivinicola. Partecipano Slow Food Cagliari, Fondazione italiana sommelier Sardegna e i consorzi di tutela del Pecorino Romano e dell’Agnello sardo. Nella serata di sabato, cooking show a cura dello chef Alberto Sanna e degli studenti dell’Istituto alberghiero Tuveri di Villamar. Poi il Wine festival con degustazione e accompagnamento musicale.
Promozione. “Expo e territori ha collegato idealmente l’Esposizione universale ai territori di tutta Italia – spiega l’assessore Francesco Morandi – in modo da amplificare l’esperienza dell’evento milanese e valorizzare le eccellenze produttive delle varie filiere agroalimentari, in combinazione con il patrimonio culturale, artistico e naturalistico. L’evento di Barumini – aggiunge – rappresenta il suggello all’attività del progetto e l’esempio di come questa non si fermi con la conclusione di Expo, anzi di come sia ancora pienamente nel vivo mentre diventano sempre più concreti gli effetti dell’azione di promozione e internazionalizzazione messa in campo dalla Regione”.
Luogo simbolo. L’assessorato ha selezionato l’area archeologica di Barumini, unico sito Unesco in Sardegna, già scelta dal ministero dei Beni culturali per il precedente evento di luglio di Expo e Territori, perché simbolo della combinazione di valori storici e culturali, di tradizione e innovazione e del buon cibo, legato alla longevità dei sardi.

fonte foto: qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*