Infestazioni alimentari, ecco come intervenire

Quante volte aprendo la dispensa abbiamo notato svolazzare piccoli insetti che infestano le derrate alimentari? Da oggi comincerò a darvi delle informazioni su chi siano questi infestanti. Potete consultare il sito www.studioagiemme.it per altre curiosità e aggiornamenti.

Tra tutti gli insetti che possono contaminare le nostre dispense, troviamo, tra i Coleotteri, un ordine della classe degli Insetti, la famiglia dei Curculionidi, che include il genere Sitophilus, con tre specie, lo Sitophilus granarius o Punteruolo del grano, lo Sitophilus oryzae o Punteruolo del riso e lo Sitophilus zeamais o Punteruolo del mais.

Queste tre specie hanno caratteristiche morfologiche simili e non è facile distinguerle.

Prendono il nome di “Punteruolo” per la presenza di un apparato boccale allungato, chiamato rostro.

Le femmine di Punteruolo, con il rostro, praticano un foro nelle cariossidi o nelle paste alimentari dove vi depositano le uova; il foro viene chiuso impastando la rosura con la saliva, per proteggere le uova. Dall’uovo si schiuderà una larva che si nutrirà dell’alimento. I nuovi adulti scaveranno un altro foro, da cui usciranno pronti per altre infestazioni.

Ma i Punteruoli quali danni possono provocare?

Come infestanti primari, avendo un apparato boccale masticatore in grado di rompere le cariossidi dei cereali, svolgono attività alimentare sia allo stadio di larva sia di adulto su cariossidi e/o su paste alimentari.

Le infestazioni provocate dai Punteruoli, durando nel tempo, determinano un aumento del metabolismo degli insetti con produzione di diversi escrementi, un aumento della temperatura e dell’umidità, favorendo la formazione di funghi e muffe, determinando alterazioni delle caratteristiche chimiche e organolettiche delle derrate alimentari.

Per evitare o prevenire la contaminazione da questi insetti cosa occorre fare?

Se nella dispensa si notano queste infestazioni, ispezionare tutti gli alimenti presenti nella dispensa; eliminare tutto il cibo contaminato; utilizzare l’aspirapolvere e lavare i mobiletti della cucina; riporre gli alimenti in contenitori duri ed ermetici, in quanto i Punteruoli perforano le scatole di carta e cartone.

Per prevenire future infestazioni è opportuno controllare la dispensa ogni uno o due mesi, in quanto i Punteruoli adulti possono vivere fino a un anno. Sarebbe utile acquistare piccole quantità di alimenti per evitare di attrarre eventuali insetti presenti, utilizzare delle trappole a base di feromoni che, grazie a una sostanza appiccicosa, agiscono attirando gli insetti, lasciandoli intrappolati e andrebbero sostituite quando sono ricoperte di insetti. Non va lasciato il cibo contaminato nel contenitore della spazzatura, ma depositato all’esterno per evitare un’altra infestazione.

Gigliola Masala

biologa consulente per la sicurezza alimentare

Mail: info@studioagiemme.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*