Matteo Marrocu è il nuovo presidente della Villacidrese

PrintWhatsAppTwitter

Matteo Marrocu, 31 anni, è il nuovo presidente della Villacidrese. La passione per il calcio lo accompagna da quando era bambino. «Faccio parte della società da quando avevo 5 anni>, racconta il neo presidente.<Ho giocato nella squadra per tanti anni, sono stato dirigente, mi sono occupato un po’ di tutto, compresa la parte amministrativa». Ora per lui un’occasione d’oro per dare il massimo. <Questo è il mio primo anno da presidente della società, succedo a Davide Farris persona splendida a cui va tutta la mia stima e il mio ringraziamento, succedo anche a  mio padre che dopo davvero tanti anni di sacrifici e impegni incalcolabili ha passato la mano, succedo a tanti presidenti che con amore sacrificio e passione hanno fatto tantissimo per i colori bianco celesti>.

2  Matteo Marrocu è infatti figlio d’arte, erede nell’incarico di guida della società di Siro Marrocu che è stato presidente della Villcidrese per più di 20 anni.  <Farò tesoro degli insegnamenti di mio padre – precisa Matteo Marrocu – ma sono deciso a dare tutto me stesso portando idee ed entusiasmo>. Lo attende un anno importante dopo una stagione sfortunata segnata da un’amara retrocessione per la prima squadra. «Con il mister Daniele Costa abbiamo lavorato bene ma in certe stagioni le cose non vanno come ti aspetti. Forse però questa batosta ci ha salvati. Ci ha dato la consapevolezza di chi vogliamo essere. Ora siamo pronti a dare il meglio», osserva il presidente. E poi c’è il settore giovanile che promette tante nuove soddisfazioni. «Oltre 90 bambini sono pronti per cominciare la nuova stagione insieme.- conclude Marrocu –  Abbiamo però bisogno di aiuto di chi crede in noi. Basta un piccolo gesto, qualche ora di tempo spesa con noi, perché da questo sostegno dipenderà la qualità del progetto che si creerà per i piccolissimi bimbi di 4 anni che daranno il primo calcio ad un pallone in bianco celeste sino ai grandi che suderanno e onoreranno ad ogni allenamento e ad ogni gara per i nostri colori». (step)

PrintWhatsAppTwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*