Presentato il progetto “Poetas ‘e Luxi”

Oggi, 14 maggio, nella sala Anfiteatro di via Roma a Cagliari è stato presentato il progetto “Poetas ‘e Luxi – Poets of lights – poeti di luce” , realizzato con il bando Scrabblelab della Regione “residenze artistico-creative in Sardegna” por fesr 2014-2020.

Alla conferenza stampa, presentata dalla giornalista Stefania Pusceddu, dopo i saluti di Andrea Dettori, consigliere comunale di Cagliari e consulente dell’assessore regionale allo spettacolo Giuseppe Dessena, sono intervenute Susanna Mameli, ideatrice del progetto,  dell’Associazione Anfiteatro Sud – Capoterra,  Capofila del progetto, Virginia Garau di Teatro Tragodia – Mogoro, e Monica Corimbi di Bocheteatro – Nuoro.

Come illustrato dalle protagoniste di Poetas ‘e Luxi: “Tutto nasce dall’omaggio a tre grandi poeti che hanno portato luce e onore alla loro terra e che ora saranno protagonisti degli spettacoli.  Significativa anche la scelta dei territori: Nuoro per Grazia Deledda, Mogoro per Antonio Gramsci, Capoterra per Sergio Atzeni”. Poeti famosi in tutto il mondo saranno così raccontati in paesi della Sardegna con i quali hanno un forte rapporto identitario.

Le compagnie coinvolte realizzeranno percorsi artistici sperimentali e di ricerca riguardanti il tema della “Luce” dando spazio alla formazione, attraverso la realizzazione della Bottega di Alta Formazione Teatrale, e, ovviamente, alla produzione di spettacoli ed eventi dal vivo con nuovi strumenti multimediali quali video mapping, videoinstallazioni e penna grafica applicata alla scena teatrale. Percorsi artistici multimediali da realizzare sia in teatro che in siti di grande valore ambientale, culturale, storico e archeologico della Sardegna come fortini e rifugi della seconda guerra mondiale che saranno riscoperti e valorizzati in una nuova prospettiva e poetica degli spazi con percorsi originali di luci, parole, musica e poesia.

“Poetas ‘e Luxi – Poeti di Luce – Poets of Light”, che rappresenta l’evoluzione tecnologica di alcune delle caratteristiche della produzione di spettacolo dal vivo,   varca i confini regionali per attivare collaborazioni nella penisola (con Anna Resmini e Carol Rollo, esperte di penna grafica) e in Polonia (con il gruppo Camera Nera esperti di video mapping e video installazioni).

Il progetto si svilupperà nell’arco di 16 mesi, durante i quali ciascuna associazione lavorerà per la realizzazione di scenografie e costumi in armonia con l’uso di strumentazioni innovative per poi realizzare uno spettacolo multimediale che in seguito debutterà nei teatri. Ma non solo,  l’esito delle ricerche sarà rappresentato in tre fortini e rifugi della seconda guerra mondiale: a Capoterra, presso il Parco della Memoria, a Cabras, presso i Bunker e le strutture antisbarco e a Nuoro in alcune gallerie e rifugi antiaerei. Ci saranno poi  repliche per scuole e Comuni , per i teatri, in campo regionale nazionale e internazionale.

La replica finale delle tre produzioni di Poetas ‘e Luxi sarà a Wroclav  in Polonia, città capitale della cultura 2016,  dove sarà presentata al pubblico assieme a una sintetica mostra interattiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*