Quanto ti costa non andare dal dentista?

Parte Prima

Sappiamo tutti che andare dal dentista non è un’esperienza piacevole. Molte persone tendono a rinviare l’appuntamento dal dentista per vari motivi, fra questi possiamo ricordare la paura, la mancanza di tempo (spesso una scusa) e la presenza di altre priorità. Come scoprirai a breve saltare l’appuntamento dal dentista ha dei costi notevoli sia in termini economici che di salute. Inizio col dirti che non sei il solo ad avere paura del dentista, si tratta di una cosa normale. Secondo un sondaggio del “NHS Adult Dental Health” nel Regno Unito ben il 50% dei pazienti ne è affetto. Quello che invece non è chiaro alla maggior parte dei pazienti è quanti danni si possono verificare se si decide di rinunciare alla cura della bocca.

La carie è la terza patologia al mondo per incidenza e per costo sociale, e nella maggior parte dei casi si può prevenire con una semplice visita. Per comodità, ho preferito dividere i costi del saltare gli appuntamenti dal dentista (o andarci con paura) in 3 categorie, suddivise per periodo temporale: prima, durante e dopo l’appuntamento.

1. I danni del non andare dal dentista (prima); 2. I danni del fare un ciclo di cure con la paura (durante); 3. I danni del saltare le visite di controllo (dopo).

Iniziamo dalla prima categoria.

1. I DANNI DEL NON ANDARE DAL DENTISTA

La paura del dentista spesso paralizza così tanto le persone che molte volte finiscono per andare a fare una visita solamente quando si è già verificato il problema (come mal di denti o ascessi di notevoli dimensioni). L’uomo agisce in base a due semplici leve: cercare il piacere ed evitare il dolore. Se la visita dal dentista viene considerata qualcosa di spiacevole

(come del resto lo è la paura) allora pur di evitare il dolore si eviterà di fare un controllo, anche se si ha il sospetto di avere qualche danno.

Il paziente deciderà di andare dal dentista solo quando il mal di denti diventerà molto forte, così forte da superare il dolore per la paura. Quando questo avviene, il paziente è disperato e decide di fare una visita di urgenza, ma spesso è troppo tardi per salvare il dente e si è costretti a devitalizzarlo (togliere il nervo) o addirittura estrarlo. Fare una visita dal dentista quando si ha il mal di denti è un grande errore e causa dei costi piuttosto elevati, sia di tipo economico che di tipo biologico. Ad esempio, se una carie prosegue per molto tempo e coinvolge la polpa, il dente sarà da curare con una terapia canalare (devitalizzazione). Quest’ultima ha un costo decisamente maggiore e un tasso di riuscita più basso rispetto ad una otturazione.

In questo caso, rimandando la visita dal dentista un paziente si trova a spendere circa 3 volte di più.

Per oggi è tutto, appuntamento al prossimo articolo dove continueremo a trattare l’argomento, parlando in particolar modo dei danni dovuti alla parodontite, alla mancata visita dei bambini e alle visite di richiamo.

Andrea Lampis

Medico odontoiatra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*