Rimborsi per il morbo della lingua blu

Entro l’11 luglio è possibile presentare richiesta di rimborso dei danni causati dalla diffusione della lingua blu.  Un’opportunità per ritrovare una boccata d’ossigeno anche per gli allevatori serramannesi che hanno subito indenti perdite negli allevamenti.  È di 700 capi morti il tragico bilancio registrato tra il 2017 e 2018 distribuiti in una trentina di aziende.

    Ora è possibile chiedere rimborsi: le domande potranno essere inoltre al Comune per via mail, con pec, oppure con raccomandata con ricevuta di ritorno. Il rimborso è di tre euro per ogni capo presente in azienda all’apertura del focolaio. Per ogni capo deceduti l’indennizzo è di 50 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*