Saggio degli allievi della banda musicale

PrintWhatsAppTwitter

Si è tenuto, nel Centro di aggregazione sociale di via Su Rieddu, il saggio finale degli allievi della “Banda Musicale Città di Pabillonis”. I musicisti si sono esibiti alle percussioni, pianoforte, ottoni e canto corale davanti ad un pubblico numeroso ed entusiasta delle perfomance soprattutto dei più piccoli. Sono stati loro (Tiziano e Michele Melis, Paolo Meloni, Luca Marongiu e Andrea Sanna), infatti a catalizzare l’attenzione dei papà, mamme, nonni, parenti e numerosi cittadini che non hanno voluto mancare a questo importante appuntamento musicale.

2 saggio

Anche l’esibizione del coro polifonico ha riscosso un notevole successo. Gli esperti cantanti hanno presentato un ricco e suggestivo repertorio di musica tradizionale che ha strappato numerosi applausi al pubblico presente. Applauditissima anche l’esibizione di Santino Cardia, componente del complesso musicale degli Alma Mediterranea, che ha messo in mostra gli strumenti a fiato sezione ance.

3 saggio

La manifestazione è stata presentata dalla vice presidente Antonietta Locci che ha spiegato le motivazioni del rinvio del saggio (si doveva tenere in estate) e messo in evidenza il percorso artistico dell’associazione e le relative problematiche affrontate. Significativi ringraziamenti sono stati fatti per i maestri Fabrizio Pittau, Giorgio Edas e Paola Usai che con la loro esperienza e professionalità hanno permesso il raggiungimento di straordinari obiettivi da parte degli allievi e garantito un eccellente livello artistico e culturale dell’associazione. Antonietta Locci ha inoltre voluto ringraziare l’amministrazione comunale, presente in sala con il sindaco Riccardo Sanna e alcuni assessori e, per il supporto dato e soprattutto ha voluto spiegare ai cittadini presenti, quanto sia importante e ricco di valori educativi e formativi la partecipazione all’associazionismo musicale.

4 saggio

«Siamo certi che la musica bandistica è ancora oggi fonte di aggregazione, di alfabetizzazione, di socializzazione e di recupero della memoria storica, ma è anche proiettata verso la musica moderna come hanno dimostrato i giovani allievi in questa esibizione», ha spiegato la vice presidente. La manifestazione si è conclusa con l’invito alla partecipazione, per piccoli, giovanissimi e adulti alle nuove iscrizioni alle percussioni e coro corale in vista anche dell’ingresso nella banda della nuova Scuola di civica di musica.

Dario Frau

PrintWhatsAppTwitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*